CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Voghera

La Croce degli Alpini

Domenica 18 Settembre 2016



Scarica il volantino in formato PDF

ZONA : Val Borbera
Partenza : Pertuso (AL)
Arrivo : Roccaforte Ligure (AL)
Lunghezza del percorso : 10 km
Tempo di percorrenza : 4 ore circa
Segnavia : CAI 260

DIFFICOLTA’ : EE
Pranzo : al sacco
Ritrovo : ore 7.50 alla Sede CAI
Partenza : ore 8.00
Viaggio con auto proprie
Quota viaggio x auto: euro 36 (km. 60 x 2 x 0,25) + euro 6 pedaggio autostradale

Escursione proposta da :
Francesco La Rosa 347 0773556
Natalino Lucchelli 339 4349100
con la collaborazione di Anna Cedrini

Iscrizioni in Sede o tramite i recapiti dei proponenti entro venerdì 16 settembre

Quota di partecipazione:
Diritti di segreteria: € 4,00 i non soci
Assicurazione non soci: € 7,00

Descrizione itinerario
Il percorso è impegnativo, specie nel primo tratto, per il dislivello e per alcuni passaggi esposti sulle rocce di puddinga, attrezzati con corde fisse e
passerelle di legno. Lasciata l’auto nel parcheggio antistante la stele di Pertuso, si attraversa la provinciale e si imbocca la stradina che scende al ponte sul Borbera. Passato il tratto attrezzato, il sentiero sale ripido per una serie di decisi tornanti ; la fatica è ampiamente ripagata dagli scorci panoramici che diventano
sempre più ampi , mostrando tutta la bellezza delle strette di Pertuso. Si affrontano poi tratti rocciosi dove ancora vengono in aiuto le corde fisse e si
giunge sulla cresta principale , dalla quale si gode la vista dei paesi e delle cime di questo tratto dell’Appennino. Proseguendo lungo il Costone della Ripa, si giunge alla Croce degli Alpini ( 830 m). Il sentiero prosegue in discesa per altri brevi tratti attrezzati fino alla Selletta del Monte Cravasana; sale fino al Poggio (853 m) e ridiscende decisamente fino alla Sella di Avi (732 m). Lungo la carrareccia , con lievi saliscendi tra freschi boschi di
castagno, si giunge alla Chiesa di Roccaforte Ligure. Il sentiero è dedicato a Serena e Alessandro, giovani soci del CAI di Novi tragicamente scomparsi
in un incidente sul Gruppo del Rosa nel 2003.

REGOLE DI COMPORTAMENTO
leggi attentamente il foglio gita e valuta le tue capacità fisiche. Ogni accompagnato si ritiene in grado di superare agevolmente le difficoltà proprie dell’attività come indicate nel presente volantino;
ogni accompagnato ha l’obbligo di comportarsi in modo diligente e prudente nonché di adeguare il suo comportamento alle indicazioni del capogita e dei suoi
collaboratori. Il reiterato rifiuto di ottemperare alle direttive del capogita comporta l’esclusione immediata dall’attività. A seguito dell’esclusione
dell’accompagnato il capogita e tutti gli altri soggetti responsabili non rispondono dei danni subiti o cagionati ad altri dall’escluso;
sii puntuale agli orari;
non sopravanzare il conduttore di gita;
non abbandonare il gruppo o il sentiero;
non ti attardare per futili motivi;
coopera al mantenimento dello spirito di gruppo ed alla sua compattezza;
rispetta l’ambiente, non abbandonare rifiuti, non cogliere vegetali, non produrre inutili rumori molesti.

Qui non sei distante da nulla. A patto che tu metta gli scarponi e imbocchi un sentiero!