CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Voghera

Ferrata al rifugio Monzino
24 luglio 2016


Scarica il volantino in formato PDF


Dislivello totale:1000 mt di cui avvicinamento circa 600 mt.
Tempo di percorrenza totale:
Salita:3 ore e 30 minuti
Discesa: 3 ore
Difficoltà: EEA classificata “ PD ”
Ritrovo: ore 07.00 presso sede CAI Voghera
Partenza: ore 07. 05
Viaggio: in auto
Inizio escursione: ore 10,00
Quota massima: 2590 mt
Pranzo: al sacco, in alternativa in rifugio, rifornirsi di acqua prima della salita.
Percorso stradale:Voghera direzione Aosta Courmayeur Val Veny
Costi: viaggio 242 km x2x 0.25 tot 121 euro costo autostrada.29,50x2 tot 59 euro

Escursione proposta da:
Faccin Francesco 3386000251

Avvicinamento in auto
dalla Strada Statale 26, in direzione Tunnel del Monte Bianco, oltrepassare la rotonda di Courmayeur, dopo 2 km svoltare a sinistra seguendo le Proseguire per 5 km circa fino all'Area Pic Nic situata nei pressi del Bar Pramotton. Il parcheggio si trova sulla destra poco oltre.
indicazioni per la Val Veny. Proseguire per 5 km circa fino all'Area Pic Nic situata nei pressi del Bar Pramotton. Il parcheggio si trova sulla destra poco oltre.

Il sentiero
Dal parcheggio (1565m) si prosegue a piedi lungo la comoda strada pianeggiante che conduce ai casolari del Freney. Dopo aver attraversato i due ponti che permettono di attraversare la Dora di Veny e il torrente del Miage si devia a sinistra seguendo il sentiero 16 (cartello Rifugio Monzino).
Ci si innalza nel bosco fino all'attraversamento del ponticello sul torrente di Freney. Poco oltre si abbandona il sentiero che conduce al Lago delle Marmotte svoltando a destra. Da qui il rifugio e ben visibile in cima alla seconda barra rocciosa. Il sentiero conduce in breve al primo facile tratto di via ferrata.

La via ferrata
Riattrezzata completamente nel 2008 con materiale in acciaio Inox, la via ferrata si può suddividere in tre sezioni: la prima parte supera alcuni corti risalti rocciosi, è molto semplice e permette di prendere confidenza con il terreno e l'attrezzatura. Dopodiché si riprende il sentiero per alcune centinaia di metri di dislivello, fino ad arrivare alla seconda parte di ferrata, quella più impegnativa. Questa sezione, ottimamente attrezzata, (foto) permette di superare una barra rocciosa alta un centinaio di metri. Il primo tratto offre due possibilità di salita, quella di sinistra (consigliata in discesa) ricalca il vecchio tracciato, mentre quella di destra (consigliata in salita) sale in modo più diretto.
Una volta usciti da questo tratto di ferrata si riprende il comodo sentiero che aggira a sinistra la seconda barra rocciosa, superando i restanti corti tratti rocciosi che caratterizzano l'ultima parte della via ferrata. Da qui si prosegue per il sentiero lungo lo spallone dello Ch√Ętelet fino al Rifugio Monzino (2561m).
(da” Rifugio Monzino”)

Note
Abbigliamento consigliato:da trekking , indumenti ed attrezzature idonee in caso di maltempo e freddo (Kway o giacca vento, copri zaino, ricambi, copricapo e guanti) ed in aggiunta attrezzatura da ferrata.
Attrezzatura OBBLIGATORIA: set da ferrata completo, compreso imbraco e casco.

Assicurazione obbligatoria x non Soci: Euro 7
Iscrizione entro venerdi 22/ 07/2016
Diritti segreteria: euro 4 per non soci

Buone regole di comportamento
-leggi attentamente il foglio gita e valuta le tue capacità fisiche;
- attieniti alle istruzioni del capogita;
- sii puntuale agli orari;
- non sopravanzare il conduttore di gita;
- non abbandonare il gruppo o il sentiero;
- non ti attardare per futili motivi;
- coopera al mantenimento dello spirito di gruppo ed alla sua compattezza;
- rispetta l’ambiente, non abbandonare rifiuti, non cogliere vegetali, non produrre inutili rumori molesti.
- Grazie per la collaborazione.