CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Voghera

Cinque Terre

domenica 18-19 marzo 2017



Scarica il volantino in formato PDF

Dislivello: primo giorno 568 mt
secondo giorno 400 mt
Tempo di percorrenza:
primo giorno 5/6 ore
secondo giorno 5/6 ore
Difficoltà: E con alcuni tratti ripidi

Costo affittacamere a Riomaggiore con sistemazione in camere nello stesso edificio, 30/40 euro a persona compresa biancheria.
Costo cena (facoltativa, in loco altre soluzioni, ma se richiesta da prenotare al momento dell’iscrizione della gita) 30/35 euro al ristorante di Riomaggiore.
E’ possibile fare la colazione della domenica al bar sotto l’alloggio.

Ritrovo: ore 5.55 presso sede CAI Voghera
Partenza: ore 6. 00
Viaggio: auto fino a Sestri Levante, per la Spezia Treno e bus per Portovenere
Ritorno treno da Levanto a Sestri levante e quindi auto per Voghera
Inizio escursione: 10,30

Quota massima: 568 Punta Telegrafo
Pranzo: al sacco per i 2 pasti di ½ giorno, la sera al ristorante la colazioni al bar, facoltativi ma da prenotarsi al momento dell’iscrizione alla gita.

Ora indicativa fine escursione: rientro a Voghera previsto per le 20, 30 / 21,00
Costi: viaggio 134 km x2x 0.25 tot 67 euro escluso costo autostrada
Aggiungere vari tratti con treno e bus circa € 15

Descrizione dell’itinerario
L’escursione proposta si articola in due giornate percorrendo sentieri ben segnalati, con modesti dislivelli ma con alcune forti pendenze. A causa di frane, alcuni sentieri non sono percorribili e quindi si e dovuto optare per l’utilizzo in parte del treno per gli spostamenti. La parte dell’itinerario proposto il sabato 18 marzo, da Portovenere a Riomaggiore , ripercorre per buona parte il sentiero alta via delle Cinque Terre contrassegnato con il numero 1. Questo sentiero collega Portovenere alla località di Campiglia (m 400 slm) e inizia il suo percorso dalla famosa Piazzetta Bastreri. Il primo tratto è caratterizzato da una ripida scalinata che diventa meno severa lungo la salita. La passeggiata offre panorami mozzafiato sulle Isole di Palmaria e Tino e su tutta la costa. Il sentiero continua fino ad una folta macchia mediterranea che introduce alla località di Campiglia, alle cui porte ci si imbatte nella torretta di un mulino a vento. Il sentiero prosegue ora dalla località di Campiglia e si snoda lungo una pista relativamente pianeggiante tra esemplari di quercia da sughero di straordinaria bellezza. Prosegue poi tra lievi sali-scendi fino alla località Telegrafo (m 513 slm)e da qui una discreta discesa, porta al termine del primo giorno al borgo di Riomaggiore.
Il secondo giorno, a causa dell’interruzione dovuta a piu’ frane , si è costretti ad utilizzare il treno per raggiungere la località di Corniglia da cui parte l’itinerario che, attraverso i borghi di Vernazza, Monterosso e via punta Mesco ci condurrà a Levanto, termine questo del percorso pedonale.

Note
Abbigliamento consigliato: da trekking, indumenti ed attrezzature idonee in caso di maltempo e freddo (Kway o giacca vento, copri zaino, ricambi, copricapo e guanti).
Attrezzatura: scarponcini consuola tipo Vibram, utili i bastoncini

Assicurazione obbligatoria x non Soci: Euro 7
Diritti segreteria: euro 4 non soci
Iscrizione entro venerdi 22/02/2017

Posti limitati- Prenotazioni entro 22/02/2017 con versamento caparra di euro 40

Buone regole di comportamento
-leggi attentamente il foglio gita e valuta le tue capacità fisiche;
- attieniti alle istruzioni del capogita;
- sii puntuale agli orari;
- non sopravanzare il conduttore di gita;
- non abbandonare il gruppo o il sentiero;
- non ti attardare per futili motivi;
- coopera al mantenimento dello spirito di gruppo ed alla sua compattezza;
- rispetta l’ambiente, non abbandonare rifiuti, non cogliere vegetali, non produrre inutili rumori molesti.
- Grazie per la collaborazione.