CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Voghera

La fortezza di Fenestrelle
Una cosa strana, grande, bella davvero
27 maggio 2018

dedicata ai giovani e meno giovani

Scarica il volantino in formato PDF
Domanda di partecipazione

Ambiente
Imponente costruzione militare del 1700 che si sviluppa a gradinata dalle pendici del Monte Orsiera sino a valle: la fortificazione alpina più grande d’Europa.
Spirito
Vivere insieme l’amore per l’aria aperta.
Orari
Ritrovo: ore 7,30 parcheggio Carrefour di Casteggio
Ritrovo: ore 7,45 presso sede Sezione in Via Dante
Rientro previsto: ore 19,30

Iscrizioni
entro giovedi 24 Maggio 2018
Proposta Gruppo AG

Trasferimento
In pullman
Riordino alle 10,15 presso Forte di Fenestrelle
Escursione
L’itinerario ad anello prevede un percorso didattico per i giovani e un percorso storico informativo per gli adulti: da Forte San Carlo sino a Forte delle Valli e rientro per la mulattiera dei cannoni, guidati anche in caso di pioggia dall’Associazione Progetto San Carlo Onlus.
Segnaletica :non presente nella Fortezza, bianco rosso lungo la mulattiera dei cannoni.
Esposizione: sud/ovest
Difficolta’: E Sentiero storico
Quota min.: 1150 mt.
Quota max.: 1800 mt.
Dislivello escursione: mt. 650 c.
Lunghezza : 8 km c.
Tempi: 5,00 ore escluso le soste
Cartografia : Parco Monte Orsiera
Copertura cellulare: no
Pranzo
Colazione: al sacco
Acqua: presente sul percorso
Abbigliamento
Adatto alla stagione primaverile in quota : comodo e a strati, muniti di indumenti per il cambio e giacca tecnica o K way antipioggia, guanti e cuffia.
Equipaggiamento
Obbligo di scarponcini con suola intagliata (no scarpe tennis),torcia , ombrello, zaino, borraccia.
Importante: sacchetto per depositare il cambio delle calzature sul pullman.

Spese
Come da regolamento la partecipazione all’escursione comporta il versamento al momento dell’iscrizione di: 22 € per i Soci sino a 17 anni e 32 € per i Soci maggiorenni Omnicomprensivo di spese viaggio e biglietto ingresso Per i non Soci e’ obbligatorio sottoscrivere l’assicurazione per il costo aggiuntivo di 10 € rilasciando in segreteria: nome , cognome e dati di nascita , entro il 25 Maggio 2018

Legenda
E- Storico = Itinerario escursionistico che ripercorre “antiche vie” con finalità di stimolo alla conoscenza e valorizzazione storica dei luoghi visitati, privo di difficoltà tecniche, per mulattiere di discreto impegno fisico
Suggerimento
non esitare, chiedi informazioni ai proponenti delle escursioni : 3394349100

Disciplinare
leggi attentamente il foglio gita e valuta le tue capacità fisiche;
ogni accompagnato si ritiene in grado di superare agevolmente le difficoltà proprie dell’attività come indicate nel presente volantino;
ogni accompagnato ha l’obbligo di comportarsi in modo diligente e prudente nonché di adeguare il suo comportamento alle indicazioni del capo gita e dei suoi collaboratori. Il reiterato rifiuto di ottemperare alle direttive del capo gita comporta l’esclusione immediata dall’attività. A seguito dell’esclusione dell’accompagnato il capo gita e tutti gli altri soggetti responsabili non rispondono dei danni subiti o cagionati ad altri dall’escluso;
sii puntuale agli orari;
non abbandonare il gruppo o il sentiero: avvisa di tue necessità;
non ti attardare per futili motivi;
coopera al mantenimento dello spirito di gruppo ed alla sua compattezza;
rispetta l’ambiente, non abbandonare rifiuti, non cogliere vegetali, non produrre inutili rumori molesti.

Note informative
Il Forte di Fenestrelle fece il suo ingresso sul palcoscenico della Storia nell’autunno del 1727, quando l’ingegner Ignazio Bertola, su richiesta del re Vittorio Amedeo II, presentò il progetto di un’opera che aveva del fantastico: una grande muraglia, costellata da più opere fortificatorie, posta a sbarramento della valle del Chisone contro le invasioni straniere.
La sua architettura ha dell’incredibile: si sviluppa sul crinale della montagna per una lunghezza di oltre 3 chilometri, con una superficie complessiva è di 1.350.000 metri quadrati e un dislivello tra il primo e l’ultimo corpo di fabbrica di circa 600 metri. Osservandolo nel suo insieme ci si trova di fronte ad un’opera fuori da ogni canone, se riferito alle precedenti tecniche di difesa fortificatoria, per le sue gigantesche dimensioni e l’articolazione dei suoi fabbricati.
I lavori di costruzione iniziarono nella primavera del 1728 sotto la direzione dello stesso Bertola coadiuvato dall’ingegner Varino de la Marche, e si protrassero per oltre un secolo. L’ultimo cantiere chiuse nel 1850. Negli anni di maggiore impegno operativo, il numero degli addetti ai lavori superò le quattromila unità.
Poco alla volta nasceva quella che diventerà la più grande fortezza alpina d’Europa.
La denominazione Forte di Fenestrelle, con cui viene indicata, non è propriamente esatta in quanto non si tratta di un singolo forte, ma di un complesso fortificato composto da otto opere difensive, alcune grandi come il Forte San Carlo, ed altre piccole come la Ridotta Santa Barbara, ma ognuna di esse aveva un ruolo specifico nelle strategie di difesa.
Tutte le strutture sono collegate tra di loro attraverso percorsi sia interni sia esterni, ma soprattutto attraverso la nota “scala coperta”, un’opera che si distingue per la sua unicità: 4000 scalini, protetti da mura spesse due metri, s’inerpicano sul pendio della montagna, come una lunga galleria che si snoda ininterrottamente per più di due chilometri.
Il forte fu sempre un presidio militare e mantenne costantemente la sua funzione di sentinella e baluardo difensivo ma, come per tutte le fortezze, svolse anche il delicato compito di prigione di Stato. Le stanze dei suoi palazzi furono spesso adibite a celle di detenzione per personaggi di prestigio, mentre i cameroni delle caserme ospitarono i cosiddetti detenuti comuni: persone condannate per reati vari, militari rei di gravi trasgressioni e, da non dimenticare, un migliaio di soldati del conquistato Regno delle due Sicilie che vi rimasero circa un mese prima di essere inseriti nel nascente Esercito Italiano. Dopo la Seconda Guerra Mondiale il forte subì un totale abbandono. La vegetazione iniziò ad invadere e scardinare le mura, tanto che tutto il complesso rischiava di trasformarsi in un rudere, vittima del tempo e dell’incuria umana. Oggi, grazie all’Associazione Progetto San Carlo il Forte di Fenestrelle è un complesso monumentale aperto al pubblico da alcuni anni ed è diventato un luogo d’interesse per turisti e studiosi che attraverso le sue mura vogliono assaporare il fascino e i misteri della Storia.

Elementi del Forte
IL PALAZZO DEL GOVERNATORE
PALAZZO DEGLI UFFICIALI
I QUARTIERI MILITARI

LA PORTA REALE
LA SCALA COPERTA
LA POLVERIERA DI SANT’ IGNAZIO

I RISALTI
IL FORTE TRE DENTI
LA GARITTA DEL DIAVOLO

RIDOTTA SANTA BARBARA
RIDOTTA DELLE PORTE
IL FORTE DELLE VALLI

RIDOTTA BELVEDERE
LA RIDOTTA S. ANTONIO
LA RIDOTTA DELL’ELMO. IL PONTE ROSSO

Una cosa strana, grande, bella davvero.
(De Amicis)
Iscriviti, e vieni con noi.