CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Voghera

Sentiero del Viandante
domenica 23 settembre 2018


Scarica il volantino in formato PDF

da Posallo a Corenno Plinio difficoltà E
al termine visita turistica all’ Orrido di Bellano T

zona: Prealpi Lariane
difficoltà : E = facile e piacevole
con alcune soste per guardare e capire
quota partenza (m): + 435 slm
quota massima (m): +630 slm
dislivello complessivo: + 390/- 430 metri
Segnaletica: SENTIERO DEL VIANDANTE
Carta: lago di Como1:35000 ed. Globalmap
Ambiente: basso lacustre costiero ed orrido
Percorso: brevi tratti in asfalto, sentiero e mulattiera
Tempo: ore 5.00 di cui cammino effettivo h. 4.00
Pranzo: al sacco

Viaggio: in pullman con max. 30 posti
Al raggiungimento di 25 iscritti;
grazie a tutti coloro che si saranno iscritti per tempo.
In caso contrario si andrà in auto.

Ritrovo ore 7.15 Voghera via Dantec/o Sede
Partenza ore 7.30

Inizio escursione : Posallo ore 10.30
Fine escursione : Corenno Plinio circa ore 15.00
Trasferimento in pullman
Visita all’ Orrido di Bellano ore 16.00 –17,00
Partenza rientro pullman ore 17.30
Rientro a Voghera circa ore 20.00
Lunghezza percorso a/r: km 8,780
Disponibilità di acqua sul percorso: solo in due punti ;
è consigliato averla con sé da inizio escursione.
Copertura cellulare: buona

Costi a persona :
Costo Pullman € 25,00
ingresso Orrido (facoltativo) min.25 persone € 3.00
(individuale o sino a 24 persone € 4,00)
NON SOCI assicurazione obbligatoria e spese € 10,00
Note e Suggerimenti
Attrezzatura obbligatoria: scarponcini da trekking con suola scolpita. Consigliati bastoncini telescopici. Abbigliamento consigliato: comodo a cipolla da escursionismo, preferibilmente pantalone lungo, pile, giacca antivento e antipioggia per precauzione.

La gita si effettuerà in pullman con il raggiungimento di 25 partecipanti, massimo 30 posti.
L’iscrizione si intende confermata soltanto con versamento della quota di euro 25,00 che potrà essere rimborsata solo al subentro di altra persona
Proposta da: Donatella Pagella e Lorenza Cotroneo con Giancarlo Bensi e Mario Panizza