CLUB ALPINO ITALIANO

Sezione di Voghera

10 MARZO 2019

Portovenere (SP)
L’isola Palmària



Scarica il volantino in formato PDF

Escursione
Tipologia: E
Pranzo: al sacco;
Punti di appoggio: Nessuno
Possibilità di acquisto focaccia a Portovenere.
Dislivello: +/- 350 mt
Lunghezza giro ad anello 9 km.
Orari
Ritrovo: ore 7.00 presso la sede sezionale
Partenza: ore 7.05
Inizio attività escursionistica ore 11.00 dalla Località Portovenere pronti all’imbarco.
Fine attività escursionistica ore 16.30
Rientro ore 20.00
Iscrizioni
entro venerdi 8 marzo in sezione o direttamente ai proponenti

Costi
Trasferimento in auto: 138,00€ da suddividere fra l’equipaggio (200kmx0.25€ e 38,00€ autostrada).
Per i non soci è indispensabile versare € 10.00 per assicurazione e rilasciare in segreteria: nome, cognome e dati di nascita entro venerdi
8 marzo.
Il viaggio sarà effettuato in pullman al raggiungimento di almeno 30 iscritti al prezzo indicativo di 30€.
Costo barca 10€/persona andata e ritorno.

La sezione di Voghera propone un’escursio in Liguria all’Isola Palmaria da Portovenere (SP). Partendo dal Terrizzo, raggiungibile da Portovenere con servizio barca, si prosegue verso sinistra spalle a mare: oltre passato uno stabilimento balneare, si costeggia l'ottocentesco Forte Umberto I da cui si domina il braccio di mare e la seicentesca Torre Scuola, caposaldo del sistema difensivo dell'antica repubblica genovese. Salendo dolcemente e riscendendo velocemente verso il mare, si giunge alla splendida Cala del Pozzale. Il sentiero prosegue verso le cave oggi dismesse del Pozzale, da cui si estraeva il prezioso marmo portoro, quindi si risale giungendo nei pressi della famosa grotta dei colombi, una delle principali testimonianze dell'età preistorica in questo lembo di Liguria. Il sentiero continua a salire fra cespugli di ginestre. Dal capo dell'isola si apre la stupenda prospettiva delle vicine isole del Tino e del Tinetto e della costa orientale del golfo chiusa dal promontorio di Punta Corvo. Il percorso prosegue in salita con panoramiche vedute sulla ripida falesia del lato sud e dopo il semaforo comincia a ridiscendere in vista di Porto Venere. Proseguendo la discesa e curvando verso sinistra, il sentiero sfiora il monumento a Carlo Alberto e aggira la grande cava proprio di fronte alla chiesetta di S. Pietro di Porto Venere. Da qui si transita lungo la riva di fronte alla chiesa di S .Pietro per ricongiungersi al punto di partenza.

Abbigliamento:
Indumenti idonei e caldi a “cipolla”. Kway o giacca a vento, copricalzoni, ghette, copri zaino, ricambi e copricapo in caso di maltempo.
Creme protettive per esposizione solare.
Attrezzatura
Sono raccomandati: pedule con suola profondamente scolpita, i bastoncini, zaino e borraccia capiente

Buone regole di comportamento
leggi attentamente il foglio gita e valuta le tue capacità fisiche;
attieniti alle istruzioni del capo gita;
sii puntuale agli orari;
non sopravanzare il conduttore di gita;
non abbandonare il gruppo o il sentiero;
non ti attardare per futili motivi;
rispetta l’ambiente;